Welcome, Guest. Please login or register.

Autore Topic: Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt  (Letto 378 volte)

Offline absolute

  • Post: 502
  • trying is the first step towards failure
  • Account bga: absolute_
Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« il: Gennaio 04, 2016, 11:09:37 am »


Citazione
Il mistero di Marie Roget (The mystery of Marie Rogêt) è un racconto lungo scritto da Edgar Allan Poe e comparso a puntate sul mensile The Lady's Companion di New York fra novembre 1842 e gennaio 1843.
Il racconto Il mistero di Marie Roget ha una struttura differente rispetto ai classici scritti di Poe: l'autore, ispirandosi ad un fatto di cronaca reale piuttosto cruento accaduto a New York, nel quale vittima fu la bella Mary Cecilia Rogers, ambienta a Parigi una storia parallela in cui una grisette di nome Marie viene trovata morta una mattina, proprio come la corrispondente vittima americana. Poe, impersonando il noto Auguste Dupin e basandosi esclusivamente sulle notizie trovate sui giornali dell'epoca, tenta di risolvere l'enigma dell'omicidio in un racconto costituito soltanto da un unico lungo dialogo tra due interlocutori.

Racconto proposto all'interno dell'iniziativa Ludoreading da leggere durante le vacanze di Natale 2015.

------------------

L'ho riletto questa settimana e devo dire che effettivamente non me lo ricordavo per nulla. Dei tre racconti di Dupin è di sicuro il meno appassionante. Probabilmente tutta la sua forza, all'epoca, era basata sul fatto che si riferisse ad un caso di cronaca allora contemporaneo. Al giorno d'oggi sguazziamo anche troppi in fatti di cronaca nera che di sicuro un racconto del genere passerebbe del tutto inosservato.
Commento la trama in spoiler.
Spoiler: mostra
Di sicuro originale come metodo di narrazione e di sviluppo, parte da articoli di giornale e basa un intero dialogo sui commenti a tali articoli, ma personalmente l'ho trovato un po' noioso e ripetitivo. L'acume di Dipin non spicca nelle numerose liste dettagliate alla ricerca degli errori dei vari giornalisti, sembra tutto troppo facile e manca un'eventuale botta e risposta impossibile trattandosi del commento di un testo scritto. Infatti è Dupin stesso che ogni volta deve sollevare ipotetiche obiezioni alle proprie confutazioni e alla lunga ho trovato questo metodo un po' pesante.
Per quanto riguarda la storia in sé non mi ha colpito molto, è un fatto di cronaca e Poe/Dupin ha trovato un'ottima pista scartando le ipotesi errate espresse fino ad allora e indirizzando le indagini verso una direzione diversa ma ben più plausibile. Però il tutto risente del tempo. Trattandosi di un fatto di cronaca a noi sconosciuto, mentre all'epoca evidentemente era molto famoso, perde molto del suo fascino il ritrovarsi di fronte ad un acuto scrittore che riesce (o prova) a risolvere un caso basandosi solo su articoli di giornale. Non sembra qualcosa di così eclatante. Il fatto in sé non è così particolare, al contrario degli altri due casi di Dupin, proprio come il personaggio stesso sottolinea. Si tratta di un caso ordinario e dunque proprio per questo è più difficile da risolvere. Ma purtroppo è meno avvincente leggerne l'indagine, specie con un metodo così "passivo" che si riduce a mettersi in casa in pantofole a leggere alcuni articoli (e far funzionare il cervello, ovviamente).

Insomma, rimane comunque un racconto di Poe e dunque è un piacere leggerlo, ma mi ha un po' deluso e capisco bene il motivo della mia scarsa memoria. Non sarà mai tra i miei racconti preferiti.

Offline Moon

  • Post: 3.275
  • Account bga: MadManMoon
Re:Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« Risposta #1 il: Gennaio 05, 2016, 11:01:50 am »
Spoiler: mostra
Riletto stamattina.
Concordo con Andrea sul fatto che non sia appassionante come altri racconti di Poe, in particolare come gli altri due che hanno come protagonista Dupin.
Ho comunque trovato originale l'idea di far sviluppare l'indagine tramite articoli di giornale, pur riconoscendo che alla lunga diventi pesante. Fra le righe, è anche una critica a un certo tipo di cronaca che, ahinoi, è perfino peggiorata nel corso degli anni.

Offline momo

  • Mod
  • ***
  • Post: 1.465
  • Odio essere bipolare E' meraviglioso
  • Account bga: momushka
Re:Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« Risposta #2 il: Gennaio 11, 2016, 10:17:21 am »
iniziato ieri!
a breve vi leggo e commento anche io
La certezza della sconfitta non è una ragione per non combattere (o non giocare a seasons)

Offline momo

  • Mod
  • ***
  • Post: 1.465
  • Odio essere bipolare E' meraviglioso
  • Account bga: momushka
Re:Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« Risposta #3 il: Gennaio 13, 2016, 08:51:44 am »
Decisamente non siamo fortunati nella scelta di letture condivise
Non ho letto gli altri racconti di Dupin e nonostante tutto credo che proverò
Ho trovato come se mancasse qualcosa a questo racconto, anzi, che mancasse parecchio, spero quindi di trovarlo nelle prossime letture
Interessante, si, basare le indagini partendo da articoli di giornale e da li trovare errori, mancanze e incongruenze, ma come unico metodo narrativo anche io l'ho trovato un po'limitato
Aspetto nuovi consigli! :)
La certezza della sconfitta non è una ragione per non combattere (o non giocare a seasons)

Offline Moon

  • Post: 3.275
  • Account bga: MadManMoon
Re:Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« Risposta #4 il: Gennaio 13, 2016, 09:43:15 am »
La lettera rubata è più bello a mio parere

Offline momo

  • Mod
  • ***
  • Post: 1.465
  • Odio essere bipolare E' meraviglioso
  • Account bga: momushka
Re:Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« Risposta #5 il: Gennaio 13, 2016, 10:58:01 am »
Lo leggerò tornando a casa
Però devo trovargli una "categoria" :)
La certezza della sconfitta non è una ragione per non combattere (o non giocare a seasons)

Offline momo

  • Mod
  • ***
  • Post: 1.465
  • Odio essere bipolare E' meraviglioso
  • Account bga: momushka
Re:Edgar Allan Poe - Il Mistero di Marie Rogêt
« Risposta #6 il: Gennaio 14, 2016, 12:12:21 pm »
La lettera rubata è più bello a mio parere
Letto in metro
Si, concordo
Anche se comunque alla fine temo non sia il mio genere preferito...
La certezza della sconfitta non è una ragione per non combattere (o non giocare a seasons)